Auguri Salvatore

Sappiamo che è fondamentale continuare a seguire il tuo esempio metodologico nella militanza e seminare rivoluzione nelle vecchie e nuove generazioni.

Buon compleanno Salvatore De Rosa

Che la terra ti sia lieve
✊🏽 hasta siempre

CENA SOCIALE VENERDÌ 3 GIUGNO ore 20.30 ACCORCIAMO LE DISTANZE, AGGREGHIAMO IL DISSENSO!

CONTRO LE GUERRE DEGLI IMPERI, CHE SONO I POPOLI A PAGARE! UCRAINA E RUSSIA LIBERE E AUTODETERMINATE!

Menù:

Spaghetti con le cozze e alternativa vegetariana;

Frittura di pesce;

Melanzane agghije ngule;

Patate novelle al forno;

Formaggi vari;

frutta e…panettone!

E’ gradita la prenotazione.

SOSTIENI LE AUTORGANIZZAZIONI!

LOTTA CON NOI!

COMITATO CITTA’ VECCHIA
Arco Paisiello 18
Taranto

Vi aspettiamo!

CENA SOCIALE
VENERDI’ 27 MAGGIO
ore 20.30

ACCORCIAMO LE DISTANZE, AGGREGHIAMO IL DISSENSO!
CONTRO LE GUERRE DEGLI IMPERI, CHE SONO I POPOLI A PAGARE!
NO PUTIN! NO NATO!

Menù:
Orecchiette al forno vegetariana e non;
Frittelle di patate, zucchine e asparagi;
Asparagi e pomodori e olive;
Focaccia;
Frutta.

E’ gradita la prenotazione.

SOTIENI LE AUTORGANIZZAZIONI!
LOTTA CON NOI!

COMITATO CITTA’ VECCHIA
Arco Paisiello 18
Taranto

Vi aspettiamo!

Questi ultimi dieci anni di lotte e processi hanno visto come imputati decine di compagni e compagne, criminalizzatx perché non hanno piegato la testa alle imposizioni dall’alto.

I governi decidono le sorti di interi territori, quando non li gestisce direttamente, li consegna nelle mani degli sciacalli della finanza e dell’economia, con una ricaduta disastrosa sull’ambiente e sugli aspetti sociali, culturali, economici del territorio, sulle collettività che li abitano e sul loro presente e futuro.

Speculazione e abbandono, devastazione del territorio, disastri ambientali, disboscamenti, colture e allevamenti intensivi, cultura delle monocolture e della grande distribuzione, appiattimento delle caratteristiche e delle varietà dei prodotti locali, disoccupazione e esodi di massa delle nuove generazioni, queste sono alcune delle cose contro cui lottiamo. Sono le ragioni che ci spingono a non abbassare la testa, né a voltarci dall’altra parte.

La difesa dei territori, delle nostre libertà, delle nostre sorti sta a tutti e tutte noi. Siamo tutti e tutte coinvoltx!!!

Il Comitato Città Vecchia riprende le Cene Sociali per la raccolta fondi per la Cassa di Resistenza e invita tutti e tutte alla partecipazione solidale alle prossime iniziative.

https://www.facebook.com/events/293552385984739/?ref=newsfeed

LA LOTTA NON SI PROCESSA!

https://comitatocittavecchia.noblogs.org/post/2020/11/19/ambiente-lavoro-salute-non-assolte/

Sempre al nostro fianco nelle lotte!
… per non dimenticarti!
A pugno chiuso … ciao Laura!!!

Raggia compie un anno!

VENERDÌ 3 DICEMBRE
siamo orgogliosi di ospitare il compleanno di Raggia Tarantina!!!


365 giorni di lotta, socialità e costruzione collettiva. Un anno nel quale  abbiamo sperimentato nuovi percorsi e durante il quale abbiamo messo le basi per un nuovo cammino collettivo, per immaginare diversamente la nostra città e il nostro territorio.

Quest’anno passato insieme ci spinge a rinnovare la nostra voglia di lottare. La lotta per noi non sarà mai solo difficoltà e sacrifici, ma anche voglia di stare insieme, di confrontarci, di gioire e di ricostruire il mondo che viviamo a partire dalle nostre relazioni e dal nostro senso di comunità.

Venerdì sera festeggiamo tutt* insieme con tanta musica e socialità.
Venerdì 3 Dicembre dalle 20 in poi al Comitato Città Vecchia, Arco Paisiello, 18.

GREEN PASS … ALLINEAMENTO SOCIALE E SORVEGLIANZA DI MASSA

Ci sembra opportuno iniziare dicendo subito che non siamo scientisti, non siamo tantomeno negazionisti e crediamo invece che i vaccini storicamente, quando la medicina curava e non cronicizzava le malattie o non ci lucrava su, abbiano aiutato l’umanità a sopravvivere. Cominciamo con questa premessa perché non vogliamo assolutamente cadere nella polarizzazione dicotomica, spinta in questi anni dai media e dai social, per i quali essere contro il green pass significa essere automaticamente contro il vaccino. Non ci interessa parlare del vaccino anti-covid e già ne abbiamo parlato troppo in queste poche righe. Per quanto ci riguarda, vogliamo parlare del green pass.
Una costrizione che incide in maniera invadente, discriminatoria e repressiva nelle nostre vite e sulle nostre libertà.

Da agosto 2021 siamo obbligati ad esibire un documento per poter fare cose che ritenevamo scontate e banali, come andare in pizzeria, al bar, al cinema, allo stadio o in palestra, ecc. Tale obbligo sembrerebbe motivato da esigenze sanitarie tese a frenare la ‘pandemia’, ma non riusciamo affatto a vedere ciò, come uno strumento teso a salvaguardare la salute pubblica. Ci sembra piuttosto uno strumento teso a consolidare il controllo sociale e ad inasprire un apparato repressivo sempre più sfacciato al servizio di un governo sempre più autoritario e, nella loro democrazia, sempre meno legittimato, dato che sono almeno otto anni che il consiglio dei ministri non ha elezioni regolari.
Il green pass è uno strumento che nel suo immaginario nasce associato ad una applicazione per smartphone che nel pieno delle sue funzionalità è capace di tracciarci, osservando dove, quando e con chi siamo in ogni momento. Nulla di diverso da tutte le informazioni che le nostre attività su cellulare forniscono a banche dati di ogni risma, ma in questo caso non solo i dati sono quelli sanitari che dovrebbero essere e restare privati, ma forniamo noi stessi consenso esplicito al tracciamento costante. L’informazione televisiva e giornalistica ha un ruolo fondamentale, quello di allineare, tramite terrorismo mediatico, il pensiero delle masse al pensiero della classe dominante, una tendenza da sempre esistita e quasi fisiologica. Il green pass quindi sembra più uno strumento di controllo sociale che di prevenzione alla diffusione del virus, perché ci sarebbe sembrato molto più sensato, ad esempio, in questo caso disporre tamponi gratuiti in ogni angolo delle città per garantire di determinare nel più breve tempo possibile la presenza del covid ed evitare che si sviluppino focolai.

Il green pass ci sembra classista perché aiuta i padroni a licenziare e ad annichilire eventuali forme di dissenso verso il ‘potere costituito’ in fabbrica come in strada, costringendo i lavoratori a obblighi e scelte condizionate pur di mantenere il lavoro. Ad esempio ‘obbligo vaccinale per determinati ambiti lavorativi (vedi quello sanitario)’,obbligo di green pass per i lavoratori pubblici e privati, i costi elevati dei tamponi, discriminazioni ed emarginazione dei lavoratori che decidono di non vaccinarsi e di non accettare il green pass, lavoro agile solo per chi ha vaccino o green pass (quest’ultima è solo una proposta non passata, per ora). Questi sono solo alcuni esempi del livello di costrizione che il governo attua, con la scusa di raggiungere il maggior numero di vaccinati, per educarci all’obbedienza e a sottostare ed accettare regole sempre più stringenti finalizzate al controllo sociale.
In Austria è in atto un ennesimo lockdown, che proseguirà, a un certo punto, solo per i non vaccinati, a febbraio sarà imposto l’obbligo vaccinale. In Indonesia, Turkmenistan e Micronesia l’obbligo vaccinale è già legge. In Australia, grazie al consenso esplicito dei cittadini, i sistemi di tracciamento che elaborano i dati biometrici erano già impiegati per supervisionare la quarantena ‘pandemica’ e anche qui è stato imposto l’obbligo vaccinale a larghe fasce di lavoratori.
In Italia la possibilità di un lockdown per i non vaccinati ha preso piede nella discussione politica e trova molto consenso in difesa di quella maggioranza che si è fidata del mondo sanitario e del governo e che non intende pagarne le limitazioni. In nome di un ‘Super Green Pass’ presto il Governo porterà la validità del certificato verde dai 12 ai 9 mesi e da 6 a 5 mesi la validità del richiamo. Obbligherà al vaccino i lavoratori delle scuole, dove il 90% è già vaccinato!
Intende ridurre la durata della validità dei tamponi e dello stesso certificato verde, limitare la validità del certificato ottenuto con i tamponi solo per l’accesso al lavoro o ai servizi essenziali, esclusi i luoghi di ritrovo, aggregazione e socialità. Restrizioni che il Governo adotterebbe in caso di cambio dei colori delle regioni.
È chiaro che, un documento che ti permette di avere accesso ai vari aspetti della vita sociale, fondamentale anche solo per espletare il normale ‘diritto al lavoro’, contribuisce in maniera notevole all’allineamento e all’appiattimento del senso critico. Un ‘Diritto al lavoro’ che, in alcune città più chiaramente che in altre, è sempre stato utilizzato come grimaldello per assicurare alle grandi imprese di distruggere e saccheggiare interi territori anche della speranza di un futuro. ‘Diritto al lavoro’ ritenuto inalienabile quando si trattava di andare in
deroga su qualunque DPCM per garantire la continuità produttiva di alcuni stabilimenti, ma che veniva completamente dimenticato quando nello stesso tempo si decideva arbitrariamente di affossare del tutto alcuni settori  dell’economia legati alla classe media e bassa.
E per rimanere in ambito locale ci piacerebbe tanto sapere quanti dei soldi destinati all’emergenza siano arrivati alla ricerca per esempio dei legami tra diffusione del virus e inquinamento, e ci piacerebbe anche capire quali e quanti soldi siano stati stanziatati per la ricerca sui legami tra la diffusione del contagio e il salto di specie a causa degli allevamenti intensivi, dello sfruttamento selvaggio di qualunque risorsa naturale, del disboscamento e dell’estrattivismo incontrollato e della devastazione ambientale.
In quest’ottica drammaticamente repressiva trovano spazio politico stravaganti idee che riecheggiano a leggi speciali contro i ‘no green pass’; propagandando le leggi speciali profuse negli anni di piombo, addirittura!. Ma il fatto che dimostra, che il green pass è solo uno strumento repressivo, è che sono impedite le manifestazioni nelle piazze e nelle vie principali delle città, nei centri storici, nelle strade dello shopping e vicino gli obiettivi sensibili, sia a chi ha il green pass sia a chi non lo ha. Secondo la narrazione ufficiale sarebbero gli assembramenti a diventare possibili focolai di contagio ma, mantenendo tutti i dispositivi per il contenimento (mascherina, distanziamento, ecc), tutte le manifestazioni sono spostate nelle periferie o nelle zone marginali delle città, forse qui il virus non si diffonderebbe? O piuttosto si vuole depotenziare  qualunque dissenso possa essere provocato dall’incredibile carovita a cui il sistema Europa sta per sottoporsi? Mentre, chi propone il green pass, ci dice che nel PNRR troveremo la possibilità di far fronte alla crisi, la crisi già travolge le famiglie con redditi medio bassi con stangate di aumento del 30% sulle utenze e sulle materie prime che si ripercuotono su tutta la catena dei  consumi, in maniera diretta o indiretta. In questa fase il ‘governo del green pass’, che allinea i suoi sudditi e richiede cieca obbedienza, con la scusa dei ‘no green pass’, allontana, per salvaguardare i privilegi di chi Draghi e company rappresentano, le possibili proteste sociali di chi non vuole pagare la crisi.
Vogliamo ricordare che i grandi eventi tragici che in questi ultimi decenni  hanno sconvolto l’umanità, oltre ad essere frutto delle politiche scellerate neoliberali e imperialiste e delle tensioni lobbistiche mondiali, sono anche strutturali all’imposizione di controllo e repressione a scapito di alcune libertà, libertà alle quali rinunciamo ogni volta con complice consenso, in nome di un ‘bene collettivo’ o di ‘un senso di responsabilità’, che va a chiudere il quadro di assoggettamento e allineamento dell’individuo e delle collettività. In un contesto politicamente, così preoccupante, non ci meraviglierebbe scoprire che, seppure la ‘pandemia’ passerà, il green pass, nella sua logica di ‘tutore’ della collettività (per noi assolutamente folle e patriarcale), possa perdurare, trasformandosi e legittimandosi. Magari un domani per rilasciarcelo non ci chiederanno un vaccino o un tampone, ma la fedina penale.
Nel 2015 iniziano in Cina le sperimentazioni del Sistema di Credito Sociale, in sintesi una tessera sulla quale, tramite un sistema di punteggi, è classificata la reputazione del cittadino, con la quale gli è permesso di accedere o meno ai vari servizi e beni pubblici e privati. Un reale strumento di sorveglianza di massa!
E se la Cina rappresenta una forte minaccia per i mercati mondiali, la logica capitalista delle altre potenze economiche porta a inseguirla verso l’annullamento dei diritti sindacali in ambito lavorativo, allo sfruttamento e devastazione dei territori, agli esodi di massa, alla restrizione di ogni forma di libertà individuale e collettiva.

Se il Capitalismo è il virus!?! … e lo è! Noi dobbiamo esserne gli anticorpi!

COMITATO CITTÀ VECCHIA

RECOMMON ARRIVA A TARANTO

Tra il 6 e l’11 ottobre, 4 appuntamenti in Puglia, in cui Elena Gerebizza e Filippo Taglieri presenteranno gli ultimi lavori di Recommon sul tema delle “False soluzioni per il clima”.

 

Oggi faranno tappa a Taranto, nella città dell’Ilva, in cui presenteranno “Ripresa e Connivenza” , l’inchiesta in cui raccontano come facendo leva sul loro accesso privilegiato ai decisori politici, colossi energetici come Eni e Snam sono riusciti a plasmare il Recovery Plan italiano, infarcendolo di false soluzioni come l’idrogeno e il biometano, dietro cui si nasconde il tentativo di vincolarci al gas per i prossimi decenni. Alcuni di questi progetti potrebbero riguardare proprio la Città dei due Mari.

 

Stasera ore 18,30 appuntamento a Taranto presso il comitato città vecchia (Arco Paisiello, 18).

https://www.instagram.com/p/CUrTYfwo8p9/?utm_medium=share_sheet

Il Comitato Città vecchia è orgoglioso e onorato di ospitare grazie a Raggia Tarantina

INCONTRO CON GRUP YORUM A TARANTO!

Grup Yorum è un gruppo musicale legato alla sinistra turca, molto noto e apprezzato in Turchia.
Fondato nel 1985, ne hanno fatto parte musicisti diversi. Il repertorio musicale del gruppo ha però sempre mantenuto un forte connotato politico, molto spesso di protesta nei confronti del governo turco e in particolare, negli ultimi anni, nei confronti del presidente Erdoğan.
Il gruppo è stato accusato più volte dal governo turco di collaborare con il Fronte rivoluzionario della liberazione popolare, un partito di estrema sinistra, considerato un’organizzazione terroristica da Turchia, Stati Uniti e Unione Europea.
Per questo, negli anni i membri di Grup Yorum sono stati più volte arrestati e i loro dischi sequestrati.
Nel 2019 alcuni membri del gruppo hanno iniziato uno sciopero della fame per protesta contro la propria detenzione ritenuta illegittima: a seguito di ciò, sono morti nel 2020, all’età di 28 anni, la cantante turca Helin Bölek e Mustafa Kocak. Il 7 maggio 2020, per la stessa causa, all’età di 40 anni è morto anche Ibrahim Gökçek.
Lo sciopero ha coinvolto anche due dei loro avvocati difensori. Tra questi c’è Ebru Timtik, deceduta un anno fa nelle carceri turche.
Proprio in questi ultimi mesi, dopo scioperi della fame, incarcerazioni, minacce e attacchi ai centri sociali da loro attraversati, finalmente la band sta facendo un tour in varie parti d’Europa.
I questi giorni sono in Italia per suonare i loro pezzi, che parlano di uguaglianza, libertà e autodeterminazione dei popoli.
Il 25 settembre hanno suonato a Roma, il 27 hanno suonato a Sinnai (CA), il 29 a Bari per la prima tappa pugliese e il 2 ottobre a Lecce a chiusura di questo tour italiano.
Siamo davvero felici di poter annunciare che incontreremo i compagni e le compagne del Grup Yorum anche qui a Taranto, città simbolo, purtroppo, di tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta con sè. Sarà un’assemblea aperta, una discussione sulle esperienze e sulle idee di lotta e resistenza che ci accomunano.
Invitiamo tuttə alle 18.30 del 30 settembre 2021 presso il Comitato Città Vecchia (arco Paisiello 18-Taranto).

https://www.facebook.com/filoniderulez/

https://www.instagram.com/tarazine.ancoravivi/?hl=it